[English]

Settimana scorsa ci si aspettava neve, una soffiata leggera, un paio di centimetri, cinque al massimo, e tanto per far vedere che l’inverno sta arrivando, invece nella notte tra sabato e domenica prima di Halloween di centimetri ne sono caduti 30. Gli alberi ancora rigonfi delle foglie autunnali non hanno retto il peso e sono crollati sui marciapiedi, le strade, ed i cavi della luce che negli avanzatissimi Stati Uniti d’America non sono ancora sottoterra.
Domenica mattina l’aria era tersa ed insolitamente silenziosa; non si sentivano macchine o televisori in lontananza, anche il frigorifero era incredibilmente muto. La luce salta sovente da queste parti, solitamente perché un qualche ramo cade su un qualche cavo e devono sconnettere la corrente per poter pulire cavi e ramo, ma le strade vengono ripulite dalla neve nel giro di poche ore. Ho preso la macchina sperando che a Northampton ci fosse la luce, ma i semafori spenti ovunque e l’assenza di luci nelle malls non mi davano molte speranze; una volta a Northampton non c’era nulla di aperto, persino Starbucks era chiuso. Ho preso l’occasione per documentare una nevicata impossibile e lo strano contrasto delle foglie rosse dell’autunno sul bianco della neve.

Le foto le trovate in questo set su flickr. (Ad oggi, 5 novembre, sto ancora scegliendo e sistemando le foto: nei prossimi giorni dovrebbero apparirne altre.)

[running] per mantenere il tema di questo blog, un annuncio: in un attimo di pura, assurda follia mi sono registrato per la Maratona di Berlino 2012. E sono certo che questo mi porterà sfiga con il recupero dalla tendinite — continuiamo a tenere le dita debitamente incrociate.

An exceptional white and orange landscape.

The exceptionality of last week snow-fall and subsequent week-long power outage (for some; I was one of the lucky few to have power restored Sunday night) demanded its own set on flickr. I’m still post-processing the photos took last Sunday and more will come up on the next few days.