È passato più di un anno da quando mi han fatto l’iniezione di PRP per la tendinite all’achilleo ed ormai mi sembra un brutto ricordo passato che spero non ritornerà; sarà scaramanzia, sarà avere un modo di poter fare il punto della situazione, continuo imperterrito con questi posts di n settimane dopo dove questo “settimane dopo” si riferisce alla famigerata iniezione di piastrine.
Quest’anno è stato un po’ “bumpy,” e solo ora mi sento che posso dire che stia tornando a correre. Dopo la pausa invernale, la stagione delle corse è tornata e con lei i settimanali allenamenti in pista con SMAC il giovedì sera. Il volume settimanale è ancora basso, una trentina di miglia settimana passata a cui seguirà un pausa visto che sarò una settimana a NYC. L’obiettivo è quello di riuscire ad arrivare ad un solido 50~60 miglia alla settimana per la fine dell’estate ed andare cauti, più cauti che in passato con i lunghi e tenere questi a non più di un terzo del volume settimanale. Per la velocità, ci sono le ottime track practices settimanali: Barry sta organizzando ottimi allenamenti, iniziando “con calma” ed invece di ripetere distanze fisse, abbiamo intervalli a tempo fisso. Settimana scorsa erano un minuto, 4 due minuti, e 3 minuti due volte con un minuto di jogging ad intervallare; la mattina dopo ero distrutto con un piacevole senso di stanchezza: sono andato quindi in palestra per una mezz’oretta di bici seguita da un po’ di pesi.

Se gli allenamenti procederanno bene — leggi, non m’infortuno — sarò più specifico, per ora mi godo le temperature ancora relativamente basse.

Devo anche comprarmi delle scarpe nuove … ed un orologio … ma prima le scarpe.